Astinenza da Eroina sintomi, Effetti dell'eroina dipendenza

Astinenza da eroina

Astinenza eroina, dipendenza fisicaDipendenza fisica. Tolleranza e astinenza da eroinaOltre alla dipendenza psicologica l’eroinomane sperimenta velocemente la dipendenza fisica, caratterizzata dall’aumento della tolleranza alla droga e la comparsa della sindrome da astinenza. La tolleranza è definita come una crescente necessità nel tempo di dosi più elevate di droga per ottenere l’effetto euforico desiderato. Questo significa che il fisico si abitua agli effetti dell’eroina. Infine si giunge a un punto in cui l’effetto euforico scompare, ma il fisico si è abituato alla presenza della droga nel suo sistema e ne ha bisogno per poter funzionare “normalmente”. I sintomi da astinenza compaiono con l’interruzione della regolare somministrazione di eroina.

L’astinenza da eroina può presentarsi quattro-sei ore dall’ultima dose, quando l’assuntore inizia a sentirsi irritabile, ansioso e nervoso poiché la quantità di droga diminuisce nel suo organismo. L’astinenza fisica può durare fino a 12 giorni, con una media del picco di intensità a circa il quarto giorno e un’attenuazione al nono. Nonostante non sia di norma pericolosa per la vita, l’astinenza da eroina è una condizione dolorosa e molto stressante, tale da rendere difficile per molti assuntori liberarsi dalla dipendenza. I sintomi comuni da astinenza fisica comprendono: midriasi (dilatazione delle pupille), forte dolore muscolare, del rachide, delle gambe e delle articolazioni; nausea e vomito, crampi allo stomaco, dissenteria, brividi e pelle d’oca, sudorazione, rinorrea, lacrimazione oculare, sbadigli; estrema irrequietezza e insonnia. Gli spasmi muscolari agli arti inferiori inducono a scalciare. I movimenti scalcianti delle gambe sono un sintomo molto tipico dell’astinenza da oppiacei. I sintomi psicologici comprendono ansia, disforia, depressione, insopportabile craving di eroina.

In una settimana, con l’attenuarsi della maggior parte dei sintomi da astinenza, il paziente sperimenta di solito debolezza residua e dolore emotivo caratterizzati da un senso di colpa e vergogna. I disturbi tipici sono: frequenti sbalzi di umore, irritabilità, disturbi del sonno, sudorazioni notturne. L’astinenza mentale o emotiva dall’eroina dura poche settimane. La sofferenza emotiva è spesso talmente importante da essere considerata la causa più comune di ricaduta.

 

Gli effetti dell'eroina dipendenza 

Euforia. Uno dei motivi che rendono l’eroina una sostanza che crea una tale dipendenza è la capacità di produrre “rush” o “high” (euforia) cosìEroina Effettiimportanti. Il rush è stato descritto simile all’orgasmo e dura da alcuni secondi fino a un minuto. Come fare sesso, il rush produce una riduzione della tensione per l’assuntore. Una volta passato il rush iniziale, lo stato che segue può essere descritto come qualcosa tra il soporoso e il vigile. Questo stato viene definito come un distacco dall’esterno (being on the nod). L’eroina provoca depressione. A causa dell’effetto sedativo sul sistema nervoso centrale, l’assuntore sperimenta una sensazione di piacevole pesantezza, come se il corpo fosse avvolto nell’ovatta. L’assuntore si sente distante da tutto ciò che accade intorno a lui. La coordinazione e la concentrazione sono ridotte. Il linguaggio diventa biascicato e lento. Le funzioni mentali sono annebbiate per alcune ore dopo la dose. Tutti i problemi o le tensioni che l’assuntore può avere nella vita sembrano molto lontani durante questa fase. Questo stato può essere descritto come una forte sensazione di benessere, un’estrema tranquillità interiore o una profonda soddisfazione.

Altri effetti immediati. L’eroina rallenta l’attività del sistema nervoso centrale. In questo caso (in caso di grandi dosi o di overdose può sussistere pericolo per la vita) le condizioni di maggiore rilevanza sono: compromessa funzione respiratoria (respiro profondo e rallentato), diminuzione della pressione arteriosa e ridotta frequenza cardiaca. È inoltre probabile che si manifestino anche gli altri sintomi: miosi (restringimento delle pupille), xerostomia (secchezza delle fauci), soppressione del riflesso della tosse, nausea, vomito, sudorazione, prurito, ridotta libido.

Effetti a lungo termine. Gli effetti a lungo termine derivanti dall’uso di eroina posso essere devastanti, soprattutto se il tossicodipendente continua l’abuso di droga senza richiedere un aiuto medico. La dipendenza genera conseguenze fisiche, mentali e sociali negative. Nel lungo periodo l’eroinomane sviluppa una pluralità di problemi fisici che comprendono: grave immunodeficienza, esposizione a tutti i tipi di malattie infettive (HIV/AIDS, TB, epatite B e C); disturbi epatici, respiratori e cardiaci;  collasso venoso, gravi ascessi cutanei, trombosi venosa; stipsi cronica; irregolarità mestruale e infertilità nelle donne, impotenza negli uomini; malsane abitudini alimentari, perdita di peso; forti disturbi emotivi e cognitivi.

 

Articoli Correlati dal astinenza da eroina: